INFORMAZIONI GENERALI

La Residenza Sanitaria Assistenziale (RSA) è una struttura che accoglie prevalentemente persone anziane, ma non solo, che hanno bisogno di riabilitazione, di recupero psicofisico in seguito a malattia o per problemi di salute anche acuti, che non possono essere trattate a domicilio e per le quali non si ritiene necessario il ricovero ospedaliero.

L’accesso in RSA può avvenire dalla propria abitazione o dalla casa di riposo, oppure dopo ricovero ospedaliero.

A Trieste, ci sono quattro RSA, tre private convenzionate (tra cui IGEA) ed una a diretta gestione pubblica. Generalmente la persona viene accolta nella RSA afferente al proprio Distretto di appartenenza,  ma si tiene conto della preferenza espressa dalla persona o dai familiari.

La RSA IGEA accoglie quindi persone residenti in tutta la Provincia di Trieste e, con la mediazione dei Distretti Sanitari di Trieste e previa autorizzazione dell’Azienda Sanitaria di appartenenza dell’ospite, provenienti anche da fuori Trieste.

In base alle norme regionali, sono previsti tre livelli assistenziali di ricovero, differenti per tipologia di percorso di assistenza, cura e intensità riabilitativa:

- livello assistenziale “base”

- livello assistenziale “medio”

- livello assistenziale “riabilitativo”.

Il livello è stabilito esclusivamente dalla UVD del Distretto di residenza della persona  candidata all’accoglimento in RSA. Il livello identifica anche l’eventuale quota di compartecipazione dovuta dall’utente, nel caso si superino i giorni concessi in gratuità (fino ad un massimo di 60 giorni).

Il ricovero e la dimissione avvengono esclusivamente tramite il Distretto di appartenenza, con la valutazione degli operatori della Struttura Tutela Salute Anziani e Residenze del Distretto e dell’Unità di Valutazione Distrettuale (UVD).  E’ sempre necessaria la sottoscrizione previa del modulo di consenso informato per il ricovero da parte della persona o del suo familiare, oltre alla richiesta e consenso del Medico di fiducia.

I ricoveri in RSA possono avvenire, in situazioni particolari, anche direttamente dal Pronto Soccorso dell’ospedale; in questo caso la decisione viene presa dall’infermiere della continuità assistenziale del Distretto, nel rispetto delle volontà del paziente e dei familiari.

Il programma terapeutico-riabilitativo ed il periodo della degenza è personalizzato (PAI). La Regione ne ha indicato una durata indicativamente entro trenta giorni (per il livello “base” e “medio”) o quaranta giorni (per il “livello riabilitativo”), con possibilità – dal 1° gennaio 2019, per casi particolari ed esclusivamente su decisione dell’UVD – di estensione a 60 giorni. Per i ricoveri con “funzioni sollievo” la durata è limitata ai 30 giorni (in cui le prestazioni sono gratuite). Per i ricoveri ordinari è obbligatorio, per norma regionale, il versamento di una quota di compartecipazione pari al 50% dell’intera tariffa oltre il 61° giorno.

La dimissione è in ogni caso sempre concordata in sede di UVD, quindi con il consenso dei familiari e dello stesso paziente; viene preparata accuratamente per garantire la massima sicurezza ed adeguata continuità assistenziale.

Ulteriori informazioni sono reperibili nel sito dell’Azienda Sanitaria Universitaria Integrata di Trieste (ASUITS):

http://www.asuits.sanita.fvg.it/